A pranzo con Emma

Ogni giovedi alle 13.00 io e mia figlia, mentre aspettiamo che Tommaso esca dalla scuola media alle 14.00, sperimentiamo nuovi posti dove mangiare qualcosa, sorseggiando acqua leggermente frizzante.

E’ una bella tradizione. Emma mi racconta tutto quello che è accaduto a scuola, con chi ha bisticciato, con chi ha giocato, chi ha prestato giocattoli a chi … insomma il riassunto minuto per minuto della sua mattinata. Tutti i ristorantini da menu fisso (tipo 9,00/10,00 euro a persona) noi li conosciamo, alcuni buoni altri meno, ma a giro proviamo tutti.

Giovedi scorso siamo andate in un locale aperto da pochi giorni in Via Tacito, IL PATAPINSA.

SORPRENDENTE

Già solo l’arredo, per chi mi conosce, mi aveva convinto. I colori bianco e grigio predominano lo sguardo, un gusto elegante ma sobrio, molto shabby chic.

Sono innamorata di questo tipo di arredamento. In estate, quando il tempo, rallentandosi, ti regala preziosi minuti per leggere una rivista, prediligo senza dubbio quelle shabby style. Molti numeri di

Casa Chic e Vivere Country giacciono in casa mia ovunque, perchè sfogliando quelle pagine e leggendo gli articoli su come orribili arredi in legno di mogano siano stati oggetto di tecniche di recupero e perfettamente shabbizzati, io provo un senso di pace.

Lo so, sembra un pò da matti, ma in fondo chi non lo è ?

Quando scelgo un albergo per le vacanze, un posto dove festeggiare un compleanno, quando organizzo una merenda in giardino o semplicemente trovo un ristorantino dove fare uno spuntino, faccio in modo che questi posti mi diano le sensazioni di benessere che provo guardando le mie riviste.

E il PATAPINSA di Via Tacito mi ha trasmesso queste belle sensazioni.

Il cibo poi, un corollario, ha reso il nostro pranzetto perfetto: pinsa calda, fragrante e leggera, senza parlare degli altri ingredianti di primissima qualità.

Insomma, dovendo vivere di sensazioni per natura, questo posto me ne ha trasmesse tante e tutte positive.

 

 

Leave a Reply